Da Annamaria Scano - Biodanza Roma

Biodanza a Roma... la Scuola di Formazione, i Corsi e gli Insegnanti
Scuola Modello di Biodanza SRT - A. S. D. Centro Studi di Biodanza In Roma
Le attività della Scuola sono rivolte esclusivamente agli Iscritti della Associazione
Title
Vai ai contenuti
PROSSIMI EVENTI

FORMAZIONE!!
VI° Ciclo
6-7 Apr. 2019
Definizione e Modello Teorico della Biodanza

Gill Piras e Marinella Ascione

FORMAZIONE!!
Ciclo
13-14 Apr. 2019
Biodanza e Azione Sociale

Virginia Saura
Coordinatrice Scuola di Barcellona
SERATA APERTA
CON MYRTHES GONZALEZ !!!!
L'ecologia delle Relazioni Umane

Psicologa/Didatta di Biodanza/Scrittrice
37 anni di esperienza nella conduzione di gruppi in diversi paesi

FORMAZIONE!!
VI° Ciclo
31 Mag/1-2 Giu. 2019
Inconscio Vitale e Principio Biocentrico

Marcelo Toro
Direttore Scuola Granada
FORMAZIONE!!
V° e VI° Ciclo
22-23 Giu. 2019
Educazione Biocentrica

Rakel Ampudia
Direttrice Scuola Pais Vasco





Interesse
PRINCIPIO BIOCENTRICO
E
INCONSCIO VITALE

Principio fondante del sistema Biodanza - Prof. Rolando Toro Araneda

Principio Biocentrico
Il Principio Biocentrico stabilisce un modo di sentire e di pensare che prende come punto di partenza e come riferimento esistenziale la Vivencia e la comprensione dei sistemi viventi.
Tutto ciò che esiste nell’Universo: elementi, stelle, piante, animali e esseri umani sono componenti di un sistema vivente più grande.
  •  L’Universo     esiste perché esiste la vita e non il contrario.
 Le relazioni di trasformazione materia-energia sono stadi di integrazione ed evoluzione della Vita. Il Principio Biocentrico si ispira alla vivencia di un Universo organizzato in funzione della Vita. Questo principio è un principio bio -cosmologico.
   
  • L’Universo è un prodigioso sistema vivente in     quanto la Vita è la struttura che guida la costruzione dell’Universo.
L’evoluzione dell’Universo è in realtà l’evoluzione della Vita.
Il nostro approccio verso la conoscenza parte dalla vivencia della Vita e dalla certezza che la vivencia è una base di partenza per percepire il qui e ora nella nostra esistenza ed interrogarci sull’origine del cosmo.
  • L’Universo nella sua totalità può essere percepito     come un sistema vivente,
  • come un organismo creatore della Vita.
  • All’interno di questo Universo la Vita si esprime     secondo un’infinità di forme.
  • Il Principio     Biocentrico pone il suo interesse in un Universo percepito come un sistema     vivente. Il regno della Vita abbraccia molto più che gli  animali ,le piante e l’uomo. Comprende tutto ciò che esiste, dai ”neutrini” fino ai “quasar”, dalla pietra fino ai pensieri più sottili.
Tutto fa parte di un fantastico orologio biologico.
  •  Il     Principio Biocentrico è un punto di partenza per strutturare nuove     percezioni e nuove priorità attribuite al vivente, lasciando     progressivamente il pensiero lineare in favore della percezione sensibile     e della poetica della similitudine.
  • Apprendiamo in questo modo che dietro ogni verità     se ne nasconde un’altra e così via all’infinito. Le abitudini intellettuali di selezione e valutazione di oggetti e fenomeni saranno sostituite dalla percezione di espressione e movimento come linguaggio naturale del vivente.
Tra i processi più evoluti degli esseri viventi si trova l’apparizione dell’identità, cioè la coscienza di sé, la sensazione di essere vivo.
La funzione della coscienza potrebbe avere una radice biologica.
La percezione del sé si organizza su modelli riprodotti a specchio. E’ qui che nascono possibilità di decisione e di stabilire propositi.
La coscienza scopre l’intima relazione che la connette con la matrice cosmica attraverso risonanza ed empatia con altri esseri viventi.
Il sentimento di comunione umana può essere elemento fondante per un processo evolutivo.
La vita possiede una qualità sacra.
La distinzione tra atti sacri e atti profani deriva dalla patologia di civiltà che desacralizza la vita trasferendone i contenuti verso rituali creati  per sfuggire alla conoscenza.
L’incapacità di percepire la condizione sacra della vita ci ha allontanato dalla relazione ”sacra” con il cosmo.
La Vita in sé stessa è sacra ,è la più splendida espressione cosmica quindi la distinzione tra sacro e profano appare assurda. La chiarezza del Principio Biocentrico della Biodanza vede nella vita la più grande ierofania (manifestazione del sacro) e la distingue da qualunque altra religione o psicoterapia.
Nelle danza “sacre” si crea uno spazio carico di significati e di potenziale energetico. Si va da uno spazio caotico (profano) verso uno spazio ordinato(sacro).
In Biodanza le persone che entrano in una “danza d’amore” ristabiliscono una connessione cosmica che porta un’integrazione in una unità più grande.
Il magnetismo della danza genera campi creativi, erotici e biologici che costituiscono la grande cerimonia della Vita.
Il tempo sacro (tempo circolare) è distinto dal tempo storico (tempo lineare).
Terminata la cerimonia o il rito o la danza nel tempo senza tempo della liturgia, l’uomo rientra nella dimensione quotidiana.
In Biodanza ognuno è invitato a vivere nel “qui e ora”.
Il tempo segnato dall’orologio è un tempo convenzionale, un tempo non vissuto.
Il sacro non si svolge solo in uno spazio rituale.
Tutto è sacro ”oltre” la cerimonia.
La Vita è una liturgia per tutto il tempo.
Nella vivencia il Principio Biocentrico nasce dalla profonda sensazione di essere vivo.
L’unità originaria che unisce le persone è la vivencia, la vita nel suo accadere più puro, ancora prima della parola, del pensiero.
Il linguaggio del vivere nel suo accadere immediato.
La vivencia è un fatto unitario totale che parte dal corpo e si allarga al sentire del cuore.
Nella vivencia c’è un elemento ” unico”, imprendibile, non spiegabile, ciò che noi definiamo l’esperienza del vissuto di quel momento, unico e personale.
Quel “vissuto” di quel “momento ”, nel tempo genera pensiero e riflessione.
La vivencia è inaccessibile ma genera pensiero che può divenire illuminante.
Inconscio Vitale
Le cellule hanno “memoria”. Nella memoria cellulare sono “registrate” tutte le nostre esperienze.
Attraverso la vivencia ci colleghiamo a queste esperienze cellulari, in modo ripetuto ed emozionante, vivendo tante esperienze positive di qualità superiore.
“ Esperienze vissute in modo traumatico possono essere sanate”.
Come?
Rinforzando il potenziale umano attraverso le emozioni vissute in vivencia, stimolate dalla musica e dal gruppo.
Biodanza è un sistema di integrazione umana, riapprendimento affettivo e istintuale.
“Gli istinti tendono alla conservazione della Vita “
La nostra cultura ha sviluppato un aspetto razionale che tende a bloccare gli istinti (istinto sopravvivenza, lotta e fuga, istinto migratorio, sessuale, veglia-sonno, ecc.)
Per questo subiscono una repressione e spesso sviluppano una perversione.
Se l’energia istintuale viene repressa si ha una manifestazione abnorme.
Qual è l’intelligenza organizzatrice della vita?
Da dove sorge l’ordine biologico che realizza una forma animale e vegetale?
“Sorge da un programma genetico che si trasmette da migliaia di anni e che si modifica, si perfeziona o scompare.
L’inconscio Vitale comprende tutto ciò che nasce dalle affinità, dagli istinti, dalla direzione che va verso la vita, da tutto ciò che sorge senza partecipazione di pensiero, che si manifesta spontaneamente.
L’unico accesso all’Inconscio Vitale è la Vivencia e la metodologia di Biodanza induce vivencia capace di migliorare l’umore endogeno cioè il sistema centrale di organizzazione della vita, autonomo e inconscio.
La Biodanza si ispira ai principi generali del vivente e non a delle idee a priori.
L’individuo se connesso alla vita sperimenta il legame con il cosmo , l’antica familiarità con le pietre, con gli uccelli, con il sole, con il mare ed è a favore della difesa e del rispetto della natura.
Il Principio Biocentrico è un criterio di rispetto per la vita e si riferisce ad aspetti precisi delle funzioni universali con la propria specie e con il cosmo e al suo sviluppo evolutivo.
Provare la percezione di beatitudine della vita come lo splendore, la bellezza, l’armonia, è sperimentare in se stessi il ”sentirsi vivi ”, è un’esperienza mistica.
”L’esperienza cosmica è la più forte e nobile fonte di investigazione scientifica”
                                                                               Albert Einstein
“ Cerchiamo di avere il coraggio di dimenticare tutte le nostre teorie per prendere sul serio quello che noi viviamo, quello che noi sentiamo all’istante”
                                                                              Karlfried Durckheim
“ L’uomo attinge in sé stesso i suoi materiali e si costruisce, come una casa”
                                                                                          Luigi Pirandello
“Che cosa accadrebbe se, invece di limitarci a costruire la nostra esistenza, avessimo la follia o la saggezza di danzarla? “
                                                                                            Roger Garaudy
Estratto monografia di titolazione Didatta
Anno 2016
A cura di Anna Maria Scano
Insegnante didatta di Biodanza SRT
   Centro Studi Biodanza In Roma - Tutti i diritti riservati                                  
             webmaster: Gill  392-62.53.534                                                    
Torna ai contenuti